[email protected]: scambio sulla congiuntura edilizia

Il 13 settembre 2022, insieme ai suoi membri, la SSIC ha effettuato per la prima volta uno scambio online diretto sulla congiuntura edilizia. Dopo che la SSIC ha presentato le sue offerte statistiche sulla congiuntura e sull’occupazione, sono stati discussi i temi dei prezzi dei materiali da costruzione, dei tassi d’interesse e delle previsioni congiunturali. I documenti e un resoconto dell’evento sono riportati alla fine di questo articolo.

 

Il settore principale della costruzione si trova attualmente di fronte a numerose e gravi incertezze: i materiali da costruzione sono disponibili e costeranno ancora di più? Cosa succede se l’energia scarseggia? Qual è l’impatto dell’aumento dei tassi d’interesse sull’attività edilizia?

 

Ampia offerta statistica

La SSIC si è confrontata con i propri membri online tramite Microsoft Teams su queste questioni. Numeri, dati e fatti possono servire da orientamento in caso di simili incertezze. Per questo motivo la SSIC ha inizialmente presentato le proprie offerte statistiche su baumeister.ch. Le cifre relative agli ordini e all’occupazione possono essere elaborate in modo interattivo e personalizzato. Gli utenti possono copiare i grafici direttamente dal sito e inserirli nella loro presentazione e nei loro report. I dati sono disponibili a livello federale e regionale. Da ottobre la SSIC proporrà una nuova offerta a livello cantonale: il numero di appalti pubblici e il volume in franchi degli appalti pubblici di simap.ch saranno disponibili in forma aggregata su baumeister.ch.

 

Materiale da costruzione: prezzi e disponibilità

Nel settore principale della costruzione, il 40% delle aziende è ancora interessato da problemi di approvvigionamento. In passato valeva il principio: pianificazione a breve termine, ordinazione rapida e consegna just-in-time. Oggi bisogna ordinare il materiale con mesi di anticipo. Almeno questo ha permesso di evitare in gran parte le interruzioni dei cantieri. Sono pochi i progetti per i quali è stato necessario rimandare l’inizio della costruzione a causa della carenza di materiali. Per le imprese di costruzione, tuttavia, questo significa costi di stoccaggio più elevati e una pressione sulla liquidità perché devono anticipare il denaro per i materiali da costruzione per un periodo di tempo più lungo.

Per molti materiali, l’alta inflazione ha raggiunto il suo picco per il momento. A luglio e agosto, i prezzi di vari materiali si sono mossi lateralmente, mentre i prezzi del greggio e dell’acciaio sono scesi. A seconda del materiale, i prezzi potrebbero continuare a scendere o aumentare nei prossimi mesi. L’incertezza sulle previsioni dei prezzi è molto elevata.

I meccanismi e gli accordi contrattuali relativi all’evoluzione dei prezzi (raccomandazioni SIA o KBOB) funzionano in entrambe le direzioni. Se i prezzi dei materiali da costruzione dovessero scendere drasticamente, i committenti potrebbero chiedere uno sconto.

L’elettricità e il gas rischiano di scarseggiare e i prezzi dell’energia sono già aumentati. In particolare, ciò potrebbe far aumentare il costo del cemento e dell’acciaio. Nel caso dell’acciaio, la produzione interna potrebbe subire una contrazione, cosa che ne ridurrebbe la disponibilità. Si esaminerà la possibilità di colmare il potenziale divario con le importazioni.

L’energia sui cantieri deve di norma essere fornita dal committente. Se l’impresa costruttrice dovesse sostenere costi aggiuntivi a causa di un’interruzione di corrente, è probabile che possa richiederli al committente.

 

L’aumento dei tassi d’interesse frena la crescita del fatturato

L’aumento dei prezzi si ripercuote non solo sulle imprese edili, ma anche sui consumatori. A causa dell’inflazione, i tassi d’interesse in Svizzera aumentano. Il tasso di interesse di riferimento è attualmente pari a -0.25% e si prevede che aumenterà ancora a settembre per raggiungere lo 0.5% alla fine dell’anno. Le banche prevedono che alla fine del 2023 il tasso di interesse di riferimento sarà dell’1.0%.

Nel corso degli ultimi decenni l’attività edilizia reale, cioè depurata dei prezzi, è cresciuta in media del 2% all’anno. Se i tassi d’interesse aumentano dell’1%, la crescita del fatturato viene rallentata di 0.5 punti percentuali nel primo e nel secondo anno. In altre parole, nei primi due anni l’attività edilizia non cresce più del 2% ma dell’1.5% circa. I primi effetti sulla crescita del fatturato nel settore principale della costruzione si faranno sentire gradualmente a partire dall’estate 2023.

 

Edilizia con una buona crescita

Gli interessi non sono l’unico fattore che influisce sull’attività di costruzione. Per il periodo compreso tra l’autunno 2022 e l’estate 2023, il fatturato del settore principale della costruzione dovrebbe crescere in termini nominali di circa il 5% rispetto al periodo dell’anno precedente. Il tasso di crescita è distorto verso l’alto perché i prezzi dei materiali da costruzione aumentano artificialmente il fatturato. L’attività edilizia reale cresce più lentamente.

Nel settore dell’edilizia economica si prevede una dinamica positiva nei prossimi quattro trimestri, e probabilmente anche oltre. Nel 2022 la percentuale di sfitti è scesa al livello più basso degli ultimi sei anni, i prezzi degli affitti sono in aumento e le richieste di costruzione di abitazioni sono cresciute dell’8% nel primo semestre di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le domande di costruzione indicano che l’attività edilizia nella Svizzera orientale e centrale dovrebbe aumentare fortemente nel medio termine. Anche i cantoni più grandi, Berna, Argovia, Zurigo e Ticino, mostrano una crescita piacevole. Il quadro per la Romandia è contrastante: per Ginevra e il Vallese si prevede una forte crescita, per Vaud e Friburgo una certa stagnazione e per Neuchâtel e il Giura un calo.

Nel settore dell’ingegneria civile, nel 2021 è stato osservato un forte aumento degli appalti pubblici. A causa della pandemia di coronavirus, gli ordini del 2020 sono stati finalmente recuperati, ma in parte sono stati anticipati anche quelli del 2022. Per il momento, le commesse di ingegneria civile sono un po’ in sospeso, per cui è probabile che nei prossimi trimestri questo segmento cresca più lentamente rispetto all’edilizia.

 

Link alla presentazione

 

Registrazione video dell’evento (solo in tedesco)

Circa l'autore

pic

Susanna Vanek

Redattrice / Specialista in comunicazione

[email protected]

Condividi questo articolo