Un valore aggiunto per gli impresari costruttori

Immaginate che un impresario costruttore e un committente decidano di rapinare una banca. Vengono sorpresi con le armi in mano, ma la polizia non riesce a dimostrare che avevano intenzione di fare irruzione nella banca. Se entrambi rimangono in silenzio, saranno condannati a due anni di prigione per porto di armi abusivo in pubblico. I due, però, stanno considerando la possibilità di ridurre la propria condanna testimoniando l’uno contro l’altro. Il risultato è una condanna a quattro anni per entrambi. Martin Maniera, economista presso la SSIC, ha utilizzato questo esempio per spiegare in modo chiaro cosa succede quando committenti e impresari costruttori diffidano l’uno dell’altro e quindi lavorano su diverse lunghezze d’onda. Il suo appello a trovare un nuovo modo di collaborare attraverso i contratti di alleanza è stato accolto molto bene dal folto pubblico.

La scheda informativa della SIA sulla pianificazione e la costruzione nell’ambito delle alleanze di progetto è attualmente in fase di revisione. La SSIC si è fortemente impegnata nella redazione di questo elemento fondamentale per la costruzione collaborativa. Thomas Stocker, direttore del centro di formazione presso il Campus Sursee, ha affermato nel suo discorso che «L’edilizia deve tornare a essere più noiosa», mentre il Dott. Maximilian Richter, Head of IPD Lab, Svizzera, ha dichiarato che «La generazione Z non vuole discutere».

La costruzione deve diventare di nuovo più noiosa

Thomas Stocker
Direttore del centro di formazione Campus Sursee

In numerosi interventi molto interessanti sono stati presentati i vantaggi portati da un’alleanza di progetto per gli impresari costruttori. In questo modo i rischi vengono ripartiti equamente e si offre agli impresari costruttori l’opportunità di migliorare i propri margini. In futuro, gli incarichi saranno generati tramite le relazioni e non attraverso le offerte in cui le aziende hanno abbassato i propri prezzi.

Per il progetto «Unique» del produttore di macchine da caffè della Svizzera centrale Thermoplan si è optato per un modello di cooperazione. «Non avrei trasferito la responsabilità di 76 milioni di fondi autofinanziati da noi investiti nella nuova costruzione a un’IG o a un’IT», ha affermato Adrian Steiner, titolare e CEO di Thermoplan. Roman Christen, responsabile della divisione Edilizia di Christen AG e impresario costruttore dietro al progetto, ha mostrato come la trasparenza e la cooperazione siano state raggiunte grazie a una digitalizzazione coerente.

Circa l'autore

pic

Susanna Vanek

Redattrice / Specialista in comunicazione

[email protected]

Condividi questo articolo