«È necessaria un'alleanza di progetto svizzera»

La SIA ha redatto un nuovo quaderno tecnico relativo alla gestione dei contratti di alleanza, attualmente in fase di consultazione. Sarà presentato al pubblico il 26 settembre 2023 al Kursaal di Berna. La Società Svizzera degli Impresari-Costruttori, assieme ad altre associazioni del settore della costruzione, sostiene questo quaderno tecnico 2065. In un'intervista, Heinz Ehrbar, presidente della Commissione SIA 118, spiega perché il nuovo quaderno tecnico sia necessario.

 

È ancora possibile costruire con successo con i contratti tradizionali?

Certamente. Sono stato molto attivo nel progetto della galleria di base del Gottardo. In vista della Nuova ferrovia transalpina (NFTA), i committenti, gli impresari e i progettisti hanno valutato cosa fare per evitare che questo gigantesco progetto sfociasse in una disavventura, con l’approccio dei contratti tradizionali. Gli impresari hanno raccomandato l'introduzione della garanzia di buona esecuzione, la composizione delle controversie e l'applicazione invariata della norma SIA 118. I committenti sono stati abbastanza saggi da accogliere e attuare queste raccomandazioni. Con successo. Infatti, in questo progetto non si è finiti in tribunale con alcun impresario. Questa esperienza insegna che, con le giuste misure aggiuntive, è possibile costruire con successo anche con i contratti tradizionali. Questo vale anche per i Paesi in cui il sistema dei contratti di alleanza è già stato introdotto. Anche lì, solo una piccola parte del volume di investimenti viene realizzata con i contratti di alleanza.

 

Il quaderno tecnico 2065 sarà messo in consultazione quest'estate. Perché c'è bisogno di nuovi modelli di partenariato tra progettisti, committenti e impresari se i contratti esistenti sono ancora validi?

I contratti tradizionali si basano sul presupposto che il committente sia in grado di descrivere con precisione i lavori da eseguire. In molti casi questo è vero. Tuttavia, ci sono casi particolari, come le ristrutturazioni, le costruzioni senza interruzione dell’esercizio o i progetti complessi e di lunga durata, in cui questo presupposto non c’è. In caso di divergenze, si discute su quale sia la sfera di rischio a cui attribuire i costi che ne conseguono. Il contratto di alleanza elimina questo modo di procedere. I rischi vengono assunti congiuntamente. Affinché ciò sia possibile, è necessaria una prevenzione finanziaria dei rischi che viene integrata nei costi prefissati determinati congiuntamente. Questo rende la cultura dell’attribuzione della colpa obsoleta, poiché tutti i partner coinvolti sono corresponsabili del successo del progetto.

 

Le alleanze di progetto sono praticate a livello mondiale e accompagnate scientificamente. Perché c'è bisogno di un «modello svizzero» rappresentato dal quaderno tecnico 2065?

Non è del tutto corretto parlare di applicazione a livello mondiale. La messa in pratica delle alleanze di progetto è limitata all'area anglosassone con la Gran Bretagna, agli Stati Uniti, all'Australia e al Canada, come anche alla Finlandia e recentemente anche all'Austria e alla Germania. L’accompagnamento scientifico esisteva ed esiste tuttora, ma non è più convincente. Tuttavia, è vero che i contratti per l’esecuzione dei lavori devono tenere conto della cultura della cooperazione e del quadro giuridico del luogo in cui si costruisce. Il mondo anglosassone ha una concezione del diritto diversa dalla nostra. Copiare le soluzioni di quel luogo non è efficace. Negli ultimi due decenni, la Germania ha dimostrato che esiste un problema fondamentale nella realizzazione di grandi progetti. Lo so perché io stesso ho fatto parte della commissione di riforma per la costruzione di grandi progetti in Germania. Il trasferimento di conoscenze dovrebbe avvenire in senso inverso, anche se nel frattempo in Germania sono stati adottati approcci validi. Per questo motivo sono utili gli scambi di esperienze con la Germania. Rimangono la Finlandia e l'Austria. La Finlandia è un po' più avanti di noi, così come l'Austria. Anche lo scambio di esperienze con questi Paesi è consigliabile. Alla fine, però, il contratto di alleanza per i committenti pubblici deve tenere conto del diritto svizzero in materia di appalti e finanziamenti. Il copia-incolla dei modelli stranieri non funziona.

 

Questo quaderno tecnico ha lo scopo di essere uno strumento per aggirare i rischi del nostro settore? Oppure in che modo questo strumento apporta un valore aggiunto?

«No construction project is risk free. Risk can be managed, minimised, shared, transferred, or accepted. It cannot be ignored.» Ciò significa che nessun progetto è privo di rischi. Il rischio può essere gestito, minimizzato, condiviso, trasferito o accettato. Non può essere ignorato. Sir Michael Latham ne era già a conoscenza, riportando l’affermazione nel 1994 nel suo rapporto sui fondamenti metodologici intitolato «Constructing the Team». Non è quindi possibile eludere il rischio. Il quaderno tecnico crea un valore aggiunto in quanto i partner contrattuali affrontano i possibili rischi in modo trasparente fin dall'inizio e stabiliscono insieme le misure necessarie, e questo sia in termini di scadenze sia di costi. Nel tradizionale contratto svizzero è troppo facile nascondersi dietro il cosiddetto imprevisto, anche se nella maggior parte dei casi gli eventi di rischio sono prevedibili. È urgente un ripensamento anche nella gestione tradizionale dei progetti.

 

L'immagine del settore delle costruzioni potrebbe essere migliorata mettendo maggiormente in pratica le alleanze di progetto?

Rispondo con un’altra domanda: c'è bisogno di migliorare l’immagine? Quando è stato presentato il progetto della galleria di base del Gottardo, un progetto del valore di miliardi, questo ha attirato l'attenzione di tutto il mondo che ha ammirato la competenza del settore delle costruzioni svizzero. Ma ora, se le alleanze di progetto riportano in primo piano la progettazione costruttiva nell’edilizia ed eliminano le polemiche, non può che essere un bene per la promozione dei giovani talenti e per l'immagine del settore. Il motto è «costruire invece di litigare».

 

Che ruolo ha la digitalizzazione nelle alleanze di progetto?

Le alleanze di progetto funzionano anche senza digitalizzazione. In ogni caso, la digitalizzazione può fornire un ulteriore supporto. Tuttavia, la digitalizzazione senza un'alleanza di progetto è difficile da attuare se si intende la digitalizzazione come un flusso continuo di dati leggibili meccanicamente e senza perdite durante l'intero ciclo di vita dell'edificio. Ciò significa che il committente, il progettista e l’impresario devono lavorare su piattaforme comuni che soddisfino i requisiti citati. È qui che l'accordo di alleanza aiuta a trovare soluzioni. Oggi, spesso questo non è ancora possibile. Inoltre, l'introduzione del BIM è guidata dal motto «prima si costruisce virtualmente, poi digitalmente». Ciò richiede che l'impresario che costruisce di fatto sia già integrato nel processo di progettazione digitale. Il contratto di alleanza si cura anche di questo. Oggi, anche questo requisito spesso non è soddisfacente.

 

La SIA ha redatto un progetto di quaderno tecnico relativo alla gestione dei contratti di alleanza come elemento essenziale per costruire con dei partner e, insieme alla SSIC, a suisse.ing e all’Institut für Baurecht (Istituto per il diritto nell’ambito della costruzione) (Università di Friburgo), lo presenterà pubblicamente e sarà sottoposto a discussione il 26 settembre 2023 al Kursaal di Berna. Per quale motivo i responsabili delle imprese di costruzioni dovrebbero partecipare a questa conferenza?

Nel campo dell'IPD, delle alleanze e così via, circolano molte mezze verità che generano solo confusione. Vogliamo chiarire alcune affermazioni scientificamente insostenibili, che tra l'altro fanno più male che bene al settore delle costruzioni. Il nostro modello di alleanza di progetto è stato elaborato in collaborazione con l'Università di Friburgo ed è stato perfettamente adattato alle condizioni svizzere. Vogliamo mostrare i vantaggi di questo modello, ma anche sottolineare quali requisiti devono essere soddisfatti per essere coinvolti in un progetto di questo tipo. La conferenza intende fare chiarezza e motivare i committenti, gli impresari e i progettisti a imbarcarsi nei primi progetti pilota. Senza una prova di fatto anche in Svizzera non si procede. Le esperienze di progetti in Germania o negli Stati Uniti hanno un'utilità limitata per gli impresari costruttori svizzeri. L'obiettivo è che entro la sera del 26 settembre i partecipanti alla conferenza comprendano le regole di base di un'alleanza di progetto secondo il quaderno tecnico 2065 della SIA.

 

Quando entrerà in vigore il quaderno tecnico 2065 e come verrà divulgato nel settore?

Dipende un po' dai riscontri ottenuti dalla consultazione in corso. Se tutto va bene, speriamo di essere sul mercato con le versioni tedesca e francese del quaderno tecnico e del modello di contratto nell'estate del 2024 (1° agosto 2024). Seguiranno poi le versioni italiana e inglese.

 

Conferenza SIA «Progettare e costruzione in alleanze di progetto», 26 settembre 2023, Berna

Circa l'autore

pic

Susanna Vanek

Redattrice / Specialista in comunicazione

[email protected]

Condividi questo articolo